La leadership basata sui valori di Harry Kraemer Jr

Mi riprometto, attraverso questo e successivi post, di far conoscere il modello di leadership sviluppato da Harry Kraemer Jr, oggi professore di leadership alla Northwestern University’s Kellogg School of Management of Chicago e precedentemente CEO di Baxter Healthcare (1).

Ho avuto il privilegio di avere Harry Kraemer come capo negli anni ’90 proprio in Baxter e di sperimentare personalmente quanto questi ha poi successivamente sistematizzato nel suo libro “From Values To Action – The Four Principles of Values-Based Leadership” (edito in inglese nel 2011 da Jossey-Bass, 210 pagine).

Leggendo seppur tardivamente il suo libro ora comprendo razionalmente perché con il suo modo di comunicare e di interagire con tutti i livelli dell’organizzazione riusciva a creare motivazione, coinvolgimento e senso di appartenenza. Allora lo avvertivo inconsapevolmente, perché Harry (lasciatemelo chiamare familiarmente così) faceva appello a una dimensione profonda, quella dei valori, e lo faceva con un approccio che oserei definire socratico.  Come leader stimolava ciascuno a riconoscere ciò che è veramente importante nella propria area di responsabilità e influenza e tramite questo riusciva a ricondurre i singoli contributi individuali verso i valori, la strategia e gli obiettivi aziendali.

Da Harry ho appreso molto: lezioni di vita, prima che messaggi aziendali, legate a temi come la consapevolezza personale, la gestione della complessità, la logica non dualistica e l’interconnessione che ci lega a tutti gli altri elementi dei sistemi ai quali apparteniamo. Temi ritrovati poi nel suo libro, peraltro molto godibile e ricco di concreta esperienza personale, di cui cercherò di stimolare la lettura ripercorrendone i punti salienti.

Leadership basata sui valori, quindi, dove il primo passo per il leader di ogni livello è proprio quello di identificare cosa è veramente importante e cosa può contribuire allo sviluppo di sé, del team, dell’organizzazione e di tutto ciò che lo circonda.

Nel libro vengono indicati quattro pilastri, quattro principi di fondo da seguire, apparentemente semplici: (1) auto-riflessione, (2) equilbrio e prospettiva, (3) reale fiducia in sé e (4) genuina umiltà.

Li approfondirò singolarmente nei successivi post ma anche la sola elencazione di questi principi lascia intendere come il libro di Harry Kraemer non possa farsi rientrare nel filone dei manuali di leadership di impostazione “meccanicistica”. Garantisco tuttavia il potenziale lettore che non si tratta neanche di filosofia scollegata dalla realtà ma di un reale approccio centrato sulla persona associato a sano pragmatismo e orientamento ai risultati, di cui il primo rappresenta il necessario complemento.

 

(1) Baxter Healthcare, colosso multinazionale dell’industria farmaceutica con circa 50.000 dipendenti in tutto il mondo e una capitalizzazione di borsa al NYSE di 5,7 miliardi di USD (compreso il recente spin-off Baxalta)

 

 

 

Facebooklinkedinmail

Commenti chiusi