Ricominciare, sempre

Riprendere la bicicletta che fedele aveva atteso il mio risveglio dal lungo letargo invernale mi ha fatto ricordare il monito che appartiene a tutte le tradizioni sapienziali, l’incipe semper dei latini, ripetuto dal maestro al discepolo che segue una qualsiasi pratica, ad esempio la meditazione.

La costanza è una delle caratteristiche di tutte le persone di successo nel  mantenersi concentrati sui propri obiettivi o nel coltivare abitudini efficaci. Casomai slowly but steady, senza fretta ma senza sosta.

Può capitare tuttavia di uscire dal “flusso”, per qualsiasi motivo, soprattutto quando nella fase iniziale di acquisizione di una nuova abitudine questa non è ancora pienamente radicata.

Qualora ciò dovesse avvenire la cosa più importante è non cadere nella trappola del senso di colpa o  di inadeguatezza e continuare invece ad essere convinti che quanto avevamo intrapreso è per noi effettivamente importante e benefico, trovando dentro di sé il  coraggio e la fiducia per ricominciare.

Coraggio e fiducia, perché subentri il cuore a fugare i dubbi della mente e a far apparire umano la sforzo che si ha di fronte. Nulla viene da sé senza impegno, ma comprendere il vero significato di sacrificio (rendere qualcosa “sacro”) mette la fatica in una prospettiva diversa.

Ricominciare, sempre, anche se è l’ennesima volta che si ricade nei vecchi schemi o nella zona di comfort.

E tu, cosa devi ricominciare? Cosa vuoi ricominciare?

 

 

Facebooklinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.