Letterina a Babbo Natale

Caro Babbo Natale, come stai? Lo vedi, ancora credo in te! Tutti mi dicono che alla mia età le cose che voglio devo conquistarmele da solo ma lo sai che, pur invecchiando, dentro rimaniamo un po’ piccoli.

Quest’anno ho cercato di essere buono e di non far arrabbiare gli altri. Anche se non credo di esserci riuscito del tutto ti faccio in ogni caso la lista di quello che vorrei trovare sotto l’albero di Natale.

Portami:
– un paio di occhiali per vedere le cose con gli occhi degli altri e scoprire nuovi modi di guardare;
– un paio di cuffie per ascoltare con la mente sgombra da pregiudizi e amorevolezza nel cuore;
– un termometro per misurare le emozioni di chi mi parla e non reagire avventatamente;
– un vocabolario per comprendere cosa dice veramente chi è diverso da me e non sentirlo minaccioso quando in effetti non lo è;
– un piccolo chimico per scoprire la formula che mi farebbe diventare migliore nei contesti che vivo;
– un manuale per imparare a dire di no quando serve veramente, se sono a rischio bisogni e valori miei e se altri subiscono un torto;
– una scatola di elastici per diventare più flessibile nell’affrontare i cambiamenti e le sfide che la vita ogni giorno propone;
– un microscopio per interessarmi delle piccole cose;
– un cannocchiale per guardare più spesso in su e ricordarmi che sopra di noi c’è altro.

Grazie Babbo Natale. Lo so, sono tante le cose che ti chiedo e forse non hai tutto disponibile per me: chissà quanto ne avranno bisogno anche altri! Comunque non ti preoccupare: tu portami quello che hai, per il resto cercherò di continuare a metterci del mio!

PS: Salutami le renne! Mi raccomando, trattale bene e non farle affaticare troppo, gli animali sono i nostri migliori amici!

Facebooklinkedinmail

Commenti chiusi